Torna a Eventi FPA

Prgramma congressuale

Torna alla home

  da 11:30 a 13:30

Empaville: gamification per la creazione dei bilanci partecipativi. [ es.11 ]

Sala: Sala 6

Empaville è un gioco di ruolo che simula un processo di Bilancio Partecipativo (BP) che integra fasi di dibattitto offline con fasi di interazione e voto digitali. Il gioco si basa su esperienze di BP reali combinate con elementi di gamificazione e ha l’obiettivo di promuovere la cultura della partecipazione e collaborazione pubblica e di offrire opportunità di riflessione sulle potenzialità e limiti dell'uso della tecnologia nel processo decisionale democratico.

Durante il gioco i partecipanti impersonano cittadini della città immaginaria di Empaville secondo le indicazioni contenute nelle carte distribuite in fase iniziale e divisi in gruppi territoriali. Essi collaborano e competono per proporre, sviluppare e votare proposte progettuali che decidano come spendere una parte del bilancio della città. Ogni progetto deve essere elaborato nei dettagli fornendo la posizione geografica nella mappa, l’ordine di grandezza del budget e la categoria tematica. I partecipanti caricano le proposte sulla piattaforma digitale EMPATIA, una piattaforma User Experience, che supporta la fase di votazione online del gioco.

Dopo la conclusione del voto, spogliati del ruolo di cittadini di Empaville, partecipanti e facilitatori analizzano i dati raccolti attraverso la piattaforma confrontandosi sull’esperienza di gioco e riflettendo sui punti di forza e debolezza della cosiddetta democrazia digitale, quali ad esempio le difficoltà procedurali e pratiche, l'equilibrio tra privacy e accessibilità e possibili sviluppi migliorativi.

Questo incontro prevede l'approfondimento di una esperienza amministrativa locale, in logica reverse engineering. Sarà portata all'attenzione del pubblico un'esperienza considerata come buona pratica, dando la possibilità a tutti i partecipanti di approfondire l'idea dalla sua progettazione alla sua realizzazione concreta, con domande e brevi interventi.

 

Programma dei lavori

Facilita i lavori

Bertone
Giulia Bertone UniMI Biografia
Mi occupo di processi partecipativi in ambienti di rete, di cittadinanza digitale, di smart communities.
Sono direttore di Fondazione RCM - Rete Civica di Milano e docente a contratto di "Interazione sociali in rete" preso il corso di laurea in Informatica per la comunicazione digitale all'Università degli Studi di Milano.
Sono laureata in Scienze della Comunicazione (Università degli studi di Torino) e ho conseguito il dottorato di ricerca in sociologia dei processi culturali e comunicativi presso il Politecnico di Torino.

Chiudi

Intervengono

Silva
Michele Silva CES, progetto EMPATIA Biografia
Sono laureato in Amministrazione e Politiche Pubbliche e diplomato in cinema-documentario, nel corso dei miei studi e delle mie esperienze professionali ho quindi cercato di coniugare i due diversi background utilizzando la rappresentazione e la comunicazione audiovisiva per promuovere le attività amministrative orientate alla valorizzazione del territorio e delle comunità locali e produrre all'interno delle comunità engagement ad empowerment a supporto di processi partecipativi.
Ho lavorato e lavoro come video-maker su progetti di empowerment visuale nei Bilanci Partecipativi di Monza, Cormano e Milano e in altri percorsi partecipativi tra Lombardia ed Emilia.
Sto lavorando come content manager e community manager sulla piattaforma del Bilancio Partecipativo di Milano.

Chiudi

Stortone
Stefano Stortone Università degli Studi di Milano Biografia

Nato e cresciuto a Teramo, dal 2001 è in “Erasmus” a Milano, con qualche tappa in UK e in Brasile. Con un diploma di Perito Tecnico ed un contratto a tempo indeterminato in tasca, decide di mollare tutto e votarsi alla democrazia, al bene comune ed alla precarietà. Così, nel 2005 si laurea in Scienze Politiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dove, non contento, si dottora anche in Istituzioni e Politiche (2010). Nel 2007, frequentando un master in Democratic Studies presso la University of Leeds (UK), conosce e si innamora perdutamente del bilancio partecipativo di Porto Alegre che inizia a studiare ed approfondire fino a intravederne i semi di una forma innovativa di democrazia reticolare. Da quel momento decide di promuovere e sperimentare in varie comunità locali forme simili di interazioni e di istituzioni democratiche e, con la scoperta delle tecnologie informatiche, di progettare e sviluppare una piattaforma software capace di promuoverle e facilitarne lo sviluppo. Da 5 anni lo fa presso il Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano, da 2 all’interno del Progetto Europeo EMPATIA (empatia-project.eu) e nel 2016 anche attraverso BiPart, una startup innovativa (www.bipart.it) con cui intende proseguire fino alla vecchiaia le sue attività di ricerca, formazione, consulenza e attivismo puro. Twitter: @ste_sto

Chiudi

Torna alla home